Centrostudibaresi.it

Bari

U colère de Vare du 1886 – Davide Lopez

Nel 1884 a Napoli scoppia un ennesimo “contagio” di colera e, nell’aprile 1885, di conseguenza, arriva a Bari; per fortuna di breve durata tanto che ad ottobre dello stesso anno, viene sciolto il cordone.
Nel 1915, l’avv. Davide Lopez, dà alle stampe, per Laterza, “Canti Baresi”, poesie dialettali, nel quale è inserita una lirica “U colère de Vare du 1886”.
Va detto che non ci troviamo con le date e, non ce lo spieghiamo, se no con una svista, considerato che il Nostro, essendo nato nel 1867, ai fatti, contava già 18 anni.
Di questa poesia, i cui contenuti sociali richiamano molto il momento che stiamo attraversando per il virus-corona, esiste una versione registrata in America (1940?), da Giuseppe Spilotros, in un disco 78 giri della Columbia.
Di Giuseppe Spilotros sappiamo solo che era nato a Mola, era baritono e aveva gestito, come impresario, la stagione del Teatro Petruzzelli del 1924.
Strano anche il fatto che non abbia mai calcato quel palcoscenico e mai preso parte ad alcuna recita. Approfitto per invitare, chi avesse ulteriori notizie, di contattarmi. Grazie.
Una copia di questa registrazione mi è stata gentilmente donata dal mio amico altamurano, Franco Stasolla, invitandomi a recitarla. Egli appartiene ad una di quelle famiglie di “agricoltori” che negli anni 30 del Novecento, resero famosa la lenticchia di Altamura, esportandola in Europa, in America e Australia. Oggi, la lenticchia di Altamura ha marchio IGP.
Scusate l’introduzione ma io mi faccio prendere la mano quando si tratta di esaltare il lavoro “oscuro” dei nostri conterranei.Ma torniamo alla poesia.
Ve la trascrivo con l’adattamento al sistema grafico dell’Accademia della lingua barese “Alfredo Giovine”, sistema semplice, comprendibile e giustificato grammaticalmente, privo di segni diacritici, lettere straniere, lasciando agli esperti di fonologia la trascrizione con l’Alfabeto Fonetico Internazionale. Grazie.

U Colère de Vare du 1886

O nobilàsse / O vastasìidde,
O seggnurùne / O poverìidde,

Tutt’ècchie e rrècchie / Quande ne state,
E mmute m-bronde / M’acchiamendate!

Non zò garìifene, / Non zò ffiùre
Ca vènghe a ddisce / Care Seggnure.

Acchemenzate / a tremuà;
Ì du colère / V’agghi’a parlà!

Tìimbe de Pasque / Nu rusce-rusce
Porte pe pporte / Pertave vusce…

Ci nge credève, / Ci gastemave,
Ci stève allègre, / Ci tremuàve.

M-bacce a le frabbeche / Carte tengiute;
Ìnd’a le chièsie / Preghìir’e vvute;

M-mènz’a la chiazze, / M-mènz’a le strate,
Pèsce a iàrde, / Calge scettate!

Totte le scole / Furne achiedùte,
E le frastìire / Se ne sò ssciute!

Ch’u furie n-gule / Và u-Assèssore,
Lève la fèste / Du Pretettòre.

A la Chemmùne / Pèppe Crapùzze
Vole ammenasse / Ìnd’a nu puzze.

La sckuma m-mocche, / La mazza m-mane;
Nom bote attènne / U povre crestiàne!

Cìinde penzìire, / Pèrde u fallone:
Cusse chemmanne / Cudde despone.

Ìnd’a la calge / Vène scettate
Fragàgghie, cozze / Pèssce salate,

Carne de ciucce, / Ndrame, pelmune,
Cime de rape, / Fiche e melune,

Cime scazzìidde, / Cole, accetìidde,
Iète, fenùcchie / E rafanìidde.

Iàcchie da nande / Giàgheme u tèrte
Ca scève danne / U allèrte-allèrte

Tutt’ècchie e rrècchie / La ggènde stève
Sendènne u bbanne / Ciò ca decève:

Bum, Bum,Bum / Bum, Bum, Bum:
“Pabbre, gaddine / Vicce e palumme,

E tutte chèddde / ca dà fetore
S’av’a levà / ìnd’a dò iore.”

Mèndr’ì veldave / n’àngue de strate
Vègghe le uàrdie / Totte allarmate;

Demànghe a llore / Ce ha seccedute?
Chidde: U colère / DDò ha menute!

Raffegheràdeve / Ce cacarèdde,
Ce tremuìzze, / Ce pissciarèdde!

Non gghiù parole / Petève disce,
Ièr’ì restàte / Com’a n’alisce!

Dottò Pascazzie / Vogghe ad acchià:
Oh! Ce repare / S’av’a pegghià?

«Ce tu uèstà / N-dutte secure,
«Ha da cacà / None mature,

«Ma strunze tèste / Com’a la pète,
«Da fatte sprème / Quande cchiù puète!»

Pe la prescèzze / M’u abbrazz’e vvase,
E ttutte allègre / Corrèche a ccase,

M’assiduèscke / Ì cucce-cucce
M-bacce a nu sacche / De corrua-ciucce.

Corrue mangiave / La defresckate,
E chidde stèsse / Pe la scernate.

E ssèmbe corrue / E iosce e ccrà,
Iì nom betìbbe / Pò cchiù cacà!

Vogghe nu frussce / A ll’ambrevise,
Ca chìine-chìine / Agnìibbe u prise!

Gesù, decìbbe, / Tutt’è fernute!
Sanda Necole! / Tu nom m’aiute?

Se ne fescèrne / Le sedeture,
E ì restabbe / Sènza na cure;

Le porte o mmègghie / Se spalangorne,
E tanda uardie / S’appresendorne:

Ci porte u rumme / Ci u anesine,
Ci la ggèndèrbe, / Ci u vemetìne,

Ci n’acqua brutte / Chemborme o ffèle,
Ci và menanne / U vedrièle.

Vèn’u sargènde, / Vèn’u tenènde,
Da totte vanne / Cherrève ggènde;

La Croscia Rosse, / La Croscia Verde!
E n’alda croscke / Ca mà se spèrde..!

Don Grabbièle, / Ch’u beverone,
Me corre apprìisse / Com’o mescuòne;

Me scalde u ssanghe, / S’alze u fallone,
E m’agghie a ll’ogne / U marangone:

«Assite fore, / Male latrune,
O mò ve spacche / Com’a melune !

Assite fore, / Carne de cane!
Ci v’av’accogghie / Pe cristiane?

Sciate scannanne / Sciate accedènne!
La sanda vìisete / Sciate facenne?

V’arreggettate / Pure u cafurchie;
Assite fore, / Carne de turchie!»

Altri siti utili

Cerca nel sito