Centrostudibaresi.it

Tradizioni popolari baresi

U fìgghie a la uèrre

Ci t’ambarò de disce la paròle,
Ci t’ammezzò de scì a la scole,
Ci t’ambarò de scì sule sule,
La storie t’ambarò de mìinze cule.
Scève a vedè da ffore oggne memènde
Ce scabuàve a fìgghie mì do stabelemènde.
E ddope fatte granne, pòvere fìgghie,
U govèrne nèste su è venùte a ppìgghie.
U fìgghie mì partì da BBare
Cu sène e che la bbanda militàre.
E mmènz’o llarghe de la stànziòne
Chiangève pèsce assà de nu uaggnòne.
Iì non zapève addò avève scì
U trène se portò u fìgghie mì.
Che tanda laggne e sfelamìinde.
DDà ffòre fasce l’acque e ammène u vìinde
U fìgghie mì non accedève na fermìche
E ccome av’a fa condre o nemìche?
Ci iàve u coràgge d’accìte o uàlde
Che la baionètte ngànne a dà u-assàlde?

Il figlio in guerra – Chi t’insegnò a parlare, – Chi t’insegnò ad andare a scuola, – Chi t’insegnò a camminare da solo, – T’insegnò
la storia di mezzo deretano (una storiella popolarissima). – Usciva fuor dell’uscio ogni momento – Se ritornava il figlio dallo stabili
mento. – E’ diventato adulto, povero figliuolo, – Il governo nostro se l’è preso. – Il figlio mio partì da Bari – Con i suoni e con la banda militare. – E nel largo davanti alla stazione – Piangeva come un ragazzino. – Io non sapevo dove doveva andare, – Il treno si portò il figliol mio – Con tanti lamenti e pianti. – Fuori piove e tira vento. – Il figliuol mio incapace di uccidere una formica, – Come farà di fronte al nemico? – Chi ha coraggio di uccidere un altro – Con la baionetta innestata dando l’assalto?

Recitata dal sig. Linsalata di anni 58, portuale, che l’apprese da suo nonno.

Altri siti utili

Cerca nel sito